È conosciuta per essere la città in cui nacquero, vissero e morirono San Francesco, patrono d’Italia, e Santa Chiara.

La sacralità del luogo ha permeato di sé una struttura urbana impervia ma pronta a far esplodere tutta la sua serafica bellezza nelle monumentali piazze della Cattedrale di San Rufino, di Santa Chiara e del Comune oppure nel celeberrimo complesso del Sacro Convento Francescano e delle Basiliche Superiore e Inferiore.
Assisi conobbe soltanto nel secolo XIII un modesto ampliamento dell`originale impianto romano mentre la costruzione della Basilica francescana, iniziata nel 1228, si collocò un po` marginalmente rispetto al centro del borgo.

Comune ghibellino nel XII secolo, la città fu teatro, nei decenni centrali del Duecento, delle mistiche esistenze di San Francesco e Santa Chiara e della conseguente costruzione delle Basiliche a loro intitolate.
Tra gli appuntamenti tipici del luogo il Calendimaggio e la tradizionale Marcia della Pace.

Un tour di Assisi non può non iniziare dalla magnifica Basilica di San Francesco, costruita nell’XIII secolo e composta da due parti talmente diverse da essere complementari, la Chiesa Inferiore e la Chiesa Superiore.
In fondo alla navata ecco l’altare maggiore, eretto in corrispondenza della tomba di San Francesco, sopra il quale troneggiano quattro grandi affreschi in cui Giotto ha glorificato le tre virtù fondamentali della Regola francescana: Povertà, Obbedienza e Castità.

Dalla Chiesa Inferiore si può scendere alla cripta nella quale riposa la salma del Santo.
Per percorrere le orme del Santo, uscite dalla piazza e scendete subito a destra vi trovate davanti alla Chiesa Nuova, realizzata nel ‘600 sulla casa natale di S. Francesco.
All’interno della Basilica di S. Chiara, potete ammirare i resti della Santa e il bellissimo crocifisso ligneo che, sempre secondo la leggenda, parlò a S. Francesco.


Ulteriori informazioni sono disponibili su questa pagina